Italia nel 1954

Italia in Svizzera 1954

Un mondiale nato male e finito anche peggio. Il naufragio Azzurro nella confinante Svizzera non ha davvero attenuanti. Il rientro a casa dopo le prime battute è in larga misura demerito nostro. Anche dei media per la verità: alcune prese di posizione fra le “penne” di spicco hanno reso la situazione esplosiva, al punto da mettere i calciatori uno contro l’altro.

C’era chi proponeva il modulo difensivista dell’Inter di Alfredo Foni, reduce dagli scudetti del 1953 e 1954, e chi spingeva per il blocco della Fiorentina di Bernardini, grazie alle prestazioni del quale gli Azzurri avevano staccato il passaporto per la Svizzera (ai danni, per la verità, del tutt’altro che irresistibile Egitto).

Lajos Czeizler, il tecnico Ungherese al quale sono affidate le fortune della squadra azzurra, tirato per la giacca da ogni parte, non sa decidere e il suo tentennare infligge un colpo definitivo alle nostre speranze.

Nel match inaugurale contro i padroni di casa allo Stade Olympique di Losanna, affollato da 49.536 spettatori, il CT opta per sei giocatori dell’Inter, nessun viola, e l’Italia viene battuta per 2-1.

Dopo la vittoria sul Belgio (4-1), si va allo spareggio poiché Italia e Svizzera hanno entrambe 2 punti; proprio nello spareggio contro il verrou rossocrociato, i nerazzurri sono soltanto tre e ben sette i nomi nuovi. Stesso risultato fatto contro il Belgio, 4-1, però questa volta a favore della squadra avversaria e l’Italia viene messa fuori per mano della padrona di casa, la Svizzera.

Per la verità, malgrado le pecche, l’Italia avrebbe potuto evitare il match di spareggio contro la Svizzera, che dopo salvaguardato gli incassi, con un regolamento a dir poco antisportivo, riesce anche a godere, come spesso accade, di favori arbitrali.

Quel che succede sull’1-1 a Losanna grida infatti vendetta: al 66′ un’azione in linea degli Azzurri porta Benito Lorenzi a ribattere in rete il pallone respinto dal palo. Grandi feste, abbracci ed emigranti festeggianti sugli spalti: ci pensa però l’arbitro brasiliano Viana a spegnere gli entusiasmi, segnalando un fuorigioco inesistente. Succede il finimondo: la giacchetta nera è sballottata a destra e manca, e a fine gara Lorenzi e un altro paio di Azzurri (partita in diretta TV) sfogano la rabbia per la sconfitta (firmata da Hugi II) prendendo letteralmente a calci l’ineffabile fischietto sudamericano, che aveva trascorso la vigilia del match nel ritiro elvetico di Macolin.

Maglia Ruolo Nome Nato Squadra e Nazione di club
1 Portiere Giorgio Ghezzi 10 luglio 1930 Inter Italia
2 Difensore Guido Vincenzi 14 luglio 1932 Inter Italia
3 Difensore Giovanni Giacomazzi 18 gennaio 1928 Inter Italia
4 Centrocampista Maino Neri 30 giugno 1924 Inter Italia
5 Difensore Omero Tognon 3 marzo 1924 Milan Italia
6 Centrocampista Fulvio Nesti 8 giugno 1925 Inter Italia
7 Attaccante Ermes Muccinelli 28 luglio 1927 Juventus Italia
8 Centrocampista Egisto Pandolfini 19 febbraio 1926 Roma Italia
9 Attaccante Carlo Galli 6 marzo 1931 Roma Italia
10 Attaccante Gino Cappello 2 giugno 1920 Bologna Italia
11 Attaccante Benito Lorenzi 20 dicembre 1925 Inter Italia
12 Portiere Giovanni Viola 26 giugno 1926 Juventus Italia
13 Difensore Ardico Magnini 21 ottobre 1928 Fiorentina Italia
14 Difensore Sergio Cervato 22 marzo 1929 Fiorentina Italia
15 Centrocampista Giacomo Mari 17 ottobre 1924 Juventus Italia
16 Difensore Rino Ferrario 7 dicembre 1926 Juventus Italia
17 Centrocampista Armando Segato 3 maggio 1930 Fiorentina Italia
18 Attaccante Gino Pivatelli 27 marzo 1933 Bologna Italia
19 Attaccante Giampiero Boniperti 4 luglio 1928 Juventus Italia
20 Centrocampista Guido Gratton 23 settembre 1932 Fiorentina Italia
21 Attaccante Amleto Frignani 1 marzo 1932 Milan Italia
22 Portiere Leonardo Costagliola 27 ottobre 1921 Fiorentina Italia
Fallo sapere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.