Home / Squadre / Italia passa agli ottavi se…
Ciro Immobile
Ciro Immobile con la maglia della Nazionale Italiana. Prandelli si affida a lui per battere l'Uruguay

Italia passa agli ottavi se…

In quale caso l’Italia sarebbe qualificata agli ottavi?

La risposta è semplice ma è in negativo: l’Italia non si qualifica se perde. Se evita di perdere l’Italia è qualificata e c’è solo da capire a quale posto.

Infatti, anche in caso di pareggio, grazie alla migliore differenza reti, gli Azzurri approderebbero agli ottavi.

In caso di pareggio, però, la posizione in classifica, arrivando a 4 punti e con la Costa Rica comunque a 6+, non potrebbe che essere seconda e agli ottavi incontreremmo i temuti colombiani di Cuadrado e compagnia.

In caso di vittoria andremmo invece a 6 punti, raggiungendo virtualmente i costaricani. In questo caso bisogna guardare cosa succederà nell’altro match, quello tra Inghilterra e Costa Rica, per capire quale posizione occuperemo.

Assodato che a noi per il primo posto serve la vittoria, è assodato anche il fatto che per qualificarsi primi la Costa Rica deve perdere. Ciò però non basta, oltre a vincere noi e la sconfitta della Costa Rica, ci serve recuperare la differenza reti che abbiamo nei confronti della diretta avversaria. I costaricani oggi hanno una differenza reti di +3 mentre noi siamo a 0. In caso di nostra vittoria e sconfitta della Costa Rica andremmo noi almeno a +1 e loro almeno a +2, quindi continuerebbe a non bastare.

Noi dovremmo farne almeno un altro, in questo caso andremmo entrambe a +2, con gli stessi gol fatti e noi passeremmo per la miglior posizione nel ranking Fifa. Non vale lo stesso però se noi chiudiamo 1-0 e loro perdono 2-0 perché in tal caso, a parità di differenza reti, loro hanno segnato un gol più di noi e passerebbero loro come primi.

L’optimus sarebbe che noi vincessimo con 2 gol di scarto e loro perdessero con lo stesso risultato, in tal caso entrambe saremmo a 6 ma noi avremmo una differenza reti maggiore e legittimeremmo la prima posizione.

Intanto però bisogna battere l’Uruguay (o quantomeno pareggiare), cosa non semplice…