Esultanza di Dele Alli

Svezia vs Inghilterra 0 – 2

Gli svedesi cercano l’impresa che manca oramai dal Mondiale di casa del 1958, di contro c’è un’altra formazione che aspetta gloria dal Mondiale di casa, si tratta dell’Inghilterra del 1966.

Per entrambe sono passati tanti anni, per questo motivo la possibilità di accedere alla semifinale di Coppa del Mondo nel 2018 è un’occasione da non lasciar sfuggire.

Quarti
07 luglio 2018 alle 16:00
Futbol'nyj stadion di Samara
0 - 2
Robin Olsen1
Victor Lindelof3
Andreas Granqvist4
Ludwig Augustinsson6
Sebastian Larsson7
Albin Ekdal8
Marcus Berg9
Emil Forsberg10
Emil Krafth16
Viktor Claesson17
Ola Toivonen20
Sostituti
Martin Olsson5
John Guidetti11
Karl-johan Johnsson12
Gustav Svensson13
Filip Helander14
Oscar Hiljemark15
Pontus Jansson18
Marcus Rohden19
Jimmy Durmaz21
Isaac Kiese Thelin22
Kristoffer Nordfeldt23
Mikael Lustig2
1Jordan Pickford
2Kyle Walker
5John Stones
6Harry Maguire
7Jesse Lingard
8Jordan Henderson
9Harry Kane
10Raheem Sterling
12Kieran Trippier
18Ashley Young
20Dele Alli
Sostituti
3Danny Rose
4Eric Dier
11Jamie Vardy
13Jack Butland
14Danny Welbeck
15Gary Cahill
16Phil Jones
17Fabian Delph
19Marcus Rashford
21Ruben Loftus-cheek
22Trent Alexander-arnold
23Nick Pope

Highlights Inghilterra – Svezia

Come si poteva immaginare, visti i precedenti, la Svezia si arrocca in difesa non facendo giocare l’avversario. Un primo filtro avviene già sulla mediana e, nel caso in cui un avversario dovesse superare il centrocampo, ci pensa tutta la difesa a fare filtro con il ripiego del centrocampo stesso. Con 9/11 di giocatori a difendere è complesso per qualsiasi nazionale affrontare la Svezia.

Con questa premessa si arriva al minuto 30, quando Harry Maguire insacca di testa su cross da calcio d’angolo di Young. I britannici, squadra con il più alto tasso di gol da palla inattiva, vista anche la difesa piazzata della Svezia, non poteva che passare in vantaggio su calcio d’angolo (o punizione).

Sotto di un gol la nazionale scandinava deve aprirsi un po’ per riuscire a pareggiare, si apre così qualche spazio che, intorno al minuto 40, Raheem Sterling prova a sfruttare un paio di volte: la prima volta pescato in fuorigioco dall’assistente, la seconda volta annullato dal portiere svedese Robin Olsen.

Si chiude così il primo tempo.

Nel secondo tempo il match si apre con la Svezia decisamente più offensiva e infatti già al minuto 47 arriva un colpo di testa del numero 9 della Svezia, Marcus Berg, su cui il portiere britannico, Jordan Pickford, deve fare un mezzo miracolo.

Al minuto 58 arriva però il gol della squadra inglese che nei minuti precedenti stava lentamente aumentando l’intensità di gioco. Il gol arriva sempre su colpo di testa, ci pensa il numero 20 Dele Alli che insacca su azione manovrata con cross di Jesse Lingard.

Sotto di due gol la squadra gialloblu sembra un po’ smarrita ma prova comunque una risposta. Al minuto 62 bella azione con triangolo tra Berg e Viktor Claesson, con quest’ultimo che va alla conclusione con ennesimo miracolo di Pickford.

L’Inghilterra cerca di abbassare il ritmo così da annichilire la partita ma ci prova di tanto in tanto, come al minuto 68 quando ancora Dele Alli prova il calcio da fuori ribattuto da Andreas Granqvist.

Al minuto 72 Guidetti per Berg a centro area ma arriva l’ennesimo miracolo del portiere inglese, che oggi ha chiuso la saracinesca e garantito il passaggio al turno successivo per la nazionale dei Tre Leoni.

Si tratta dell’ultimo vero tentativo per la Svezia e gli inglesi certamente non aumentano il ritmo; dal minuto 72 in poi c’è da segnalare giusto qualche scintilla, prontamente rientrata.

L’Inghilterra va in semifinale dove incontrerà la vincente tra Croazia e Russia, mentre per la Svezia la Coppa del Mondo 2018 finisce qui.

Tabellino e voti

Inghilterra (3-5-2): Jordan Pickford 7.5; Kyle Walker 6, John Stones 6, Harry Maguire 7; Ashley Young 6.5, Jesse Lingard 6, Jordan Henderson 6 (dal 85′ Eric Dier s.v.), Dele Alli 7 (dal 77′ Fabian Delph 6), Kieran Trippier 6; Raheem Sterling 6.5 (Marcus Rashford s.v.), Harry Kane 5.5.

Svezia (4-4-2): Robin Olsen 6; Emil Krafth 5.5 (dal 85′ Pontus Jansson s.v.), Victor Lindelöf 6, Andreas Granqvist 6, Ludwig Augustinsson 5.5; Viktor Claesson 6.5, Henrik Larsson 5.5, Albin Ekdal 5.5, Emil Forsberg 6 (dal 65′ Martin Olsson 5.5); Markus Berg 6.5, Ola Toivonen 5 (dal 65′ John Guidetti 5.5).

Inghilterra

Gruppo G
TeamPuntiVinteNullePerseGFGS
Belgio930092
Inghilterra620183
Tunisia310258
Panama0003211
Ottavi
03 luglio 2018 alle 20:00
Otkrytie Arena di Mosca
4 - 5
d.c.r
David Ospina1
Santiago Arias4
Wilmar Barrios5
Carlos Sanchez6
Radamel Falcao9
Juan Cuadrado11
Yerry Mina13
Jefferson Lerma16
Johan Mojica17
Juan Quintero20
Davinson Sanchez23
Sostituti
Cristian Zapata2
Oscar Murillo3
Carlos Bacca7
Abel Aguilar8
Camilo Vargas12
Luis Muriel14
Mateus Uribe15
Farid Diaz18
Jose Izquierdo21
Jose Cuadrado22
James Rodriguez10
Miguel Borja19
1Jordan Pickford
2Kyle Walker
5John Stones
6Harry Maguire
7Jesse Lingard
8Jordan Henderson
9Harry Kane
10Raheem Sterling
12Kieran Trippier
18Ashley Young
20Dele Alli
Sostituti
3Danny Rose
4Eric Dier
11Jamie Vardy
13Jack Butland
14Danny Welbeck
15Gary Cahill
16Phil Jones
19Marcus Rashford
21Ruben Loftus-cheek
22Trent Alexander-arnold
23Nick Pope
17Fabian Delph

Gli inglesi arrivano a questa gara dopo aver eliminato la Colombia ai rigori negli ottavi di finale. Rigori che per gli inglesi erano un tabù sin dal 1990, finalmente risolto dopo 28 anni.

Prima della Colombia e quindi degli ottavi di finale, l’Inghilterra si è cimentata nel gruppo G dove è arrivata seconda alle spalle del Belgio e seguita da Tunisia e Panama.

Appartiene ai britannici l’attuale capocannoniere della Coppa del Mondo, si tratta di Harry Kane che grazie a una tripletta nella prima gara e una doppietta nella seconda, con sigillo anche negli ottavi, guida la classifica marcatori dall’alto dei suoi 6 gol.

Svezia

Gruppo F
TeamPuntiVinteNullePerseGFGS
Svezia620152
Messico620134
Corea del Sud310233
Germania310224
Ottavi
03 luglio 2018 alle 16:00
Zenit Arena di San Pietroburgo
1 - 0
Robin Olsen1
Mikael Lustig2
Victor Lindelof3
Andreas Granqvist4
Ludwig Augustinsson6
Albin Ekdal8
Marcus Berg9
Emil Forsberg10
Gustav Svensson13
Viktor Claesson17
Ola Toivonen20
Sostituti
Martin Olsson5
John Guidetti11
Karl-johan Johnsson12
Filip Helander14
Oscar Hiljemark15
Emil Krafth16
Pontus Jansson18
Marcus Rohden19
Jimmy Durmaz21
Isaac Kiese Thelin22
Kristoffer Nordfeldt23
Sebastian Larsson7
1Yann Sommer
5Manuel Akanji
6Michael Lang
10Granit Xhaka
11Valon Behrami
13Ricardo Rodriguez
14Steven Zuber
15Blerim Dzemaili
19Josip Drmic
20Johan Djourou
23Xherdan Shaqiri
Sostituti
3Francois Moubandje
4Nico Elvedi
7Breel Embolo
8Remo Freuler
9Haris Seferovic
12Yvon Mvogo
16Gelson Fernandes
17Denis Zakaria
18Mario Gavranovic
21Roman Buerki
2Stephan Lichtsteiner
22Fabian Schaer

Il percorso di avvicinamento a questa sfida da parte della Svezia inizia molto prima: la nazionale scandinava, per poter giocare al Mondiale, considerata la non buona posizione nel ranking Fifa, ha dovuto eliminare Olanda e Italia di Ventura per poter essere nella terza fascia dei sorteggi.

Nel gruppo finisce insieme alla temibile Germania e al Messico, passa come prima del gruppo F, lasciandosi alle spalle il Messico ed eliminando la Germania. Infine negli ottavi di finale batte la Svizzera che ha uno stile di gioco molto simile agli scandinavi.

Insomma, il percorso della Svezia è di tutto rispetto ma a questo Mondiale ciò che risalta di più della squadra gialla sono due elementi:

  1. L’assenza di Ibrahimovic
  2. Il catenaccio applicato

Infatti si tratta di una nazionale che gioca bloccata in difesa, pronta a ripartire. Non crea gioco ma aspetta l’errore dell’avversario per colpire e far male. L’ha fatto contro la Svizzera, l’ha fatto contro la Germania (anche se gli è andata male), lo continuerà a fare contro l’Inghilterra.

Probabilmente tra le nazionali rimaste in gioco è la più complessa da affrontare, semplicemente perché è la più difficile da scardinare.

Formazioni

Andersson, commissario tecnico della Svezia, recupererà a centrocampo una pedina fondamentale come Larsson, che rientra dalla squalifica, dovrebbe quindi confermare il 4-4-2 e schierarsi con Olsen; Krafth, Lindelof, Granqvist, Augustinsson; Claesson, Larsson, Ekdal, Forsberg; Berg, Toivonen.

Dopo i 120 minuti contro la Colombia, Southgate vorrà cercare di chiudere in fretta il discorso quarti di finale, purtroppo per lui però davanti si trova una squadra che vende cara la pelle e il rischio di altri 120 minuti è alto. Per scongiurare questo rischio l’Inghilterra scende in campo con un 3-5-2 che prevede: Pickford; Walker, Stones, Maguire; Young, Lingard, Henderson, Dele Alli, Trippier; Sterling, Kane.

Orari, stadio e TV

Se siete in Russia dirigetevi verso Samare, poiché la partita si gioca nella città vicino Togliatti; invece se siete in Italia non vi rimane che collegarvi alle 16 su Canale 5.

Arbitro

Il direttore di gara sarà l’olandese Björn Kuipers, arbitro di grande esperienza, internazionale dal 2006, ha diretto le finali di tutte le competizioni europee, oltre alla finale del 2013 della Confederation Cup. Ha partecipato al Mondiale del 2014 e senza dubbio stiamo parlando di uno dei migliori arbitri al mondo in questo momento.

Candidato naturale per la finale di Russia 2018, sarà certamente un osservato speciale in questa gara.

Fallo sapere