Tifosi inglesi

Storia della nazionale inglese

Prima ha inventato e regolamentato il gioco (nel 1863), poi ha esportato il football pressoché ovunque: la sua Nazionale però, a livello di trofei, non ha fatto sfracelli.

Pesa sul ruolino dell’Inghilterra il tracotante rifiuto di misurarsi con il resto del Mondo nel periodo tra le due guerre: erano anni in cui avrebbe potuto mettere a frutto un’indiscussa superiorità, probabilmente proprio ai danni dell’Italia di Vittorio Pozzo che ha fatto fruttare quegli anni con due Coppe del Mondo vinte.

L’Inghilterra pone fine all’assurdo isolamento nel 1950 e la tanto attesa discesa in campo si traduce in un’incredibile beffa, un clamoroso KO contro i dilettanti Statunitensi che vale l’eliminazione al primo turno.

Per trovare un sorriso mondiale, l’unico fino a ora, in casa inglese bisogna rifarsi all’edizione organizzata e ospitata nel 1966, vinta da una formidabile formazione con colonne quali il portiere Banks, il libero Moore e Bobby Charlton, atipico attaccante che sa anche arretrare, risparmiato dalla sorte nel 1956 quando con alcuni compagni del Manchester United si salva nella terribile tragedia aerea di Monaco di Baviera.

Dopo quel successo di quarant’anni fa, fra l’altro caratterizzato da arbitraggi eccessivamente compiacenti con la squadra di casa, il miglior traguardo rimane il quarto posto a Italia 90, quando perse la finale per il terzo posto proprio contro gli azzurri.

Gli Inglesi sono i responsabili del successo del calcio nel nostro paese: a inizio del ‘900 le nostre nascenti squadre erano piene di britannici. Gli stessi che tornarono a frequentare il bel Paese negli anni 60, come Gerry Hitchens che ha 205 presenze e 59 gol in Serie A o con Paul Gascoigne o ancora Paul Ince. Negli ultimi anni, però, si sono verificati forti investimenti stranieri nelle squadre di club inglesi, con il pioniere Roman Abramovic, patron del Chelsea, che ha dato lustro alla Premier League e una tendenza, contraria a quella del passato, a importare talenti anziché lasciarli partire per l’estero.

EdizionePiazzamento
Uruguay 1930Non partecipante
Italia 1934Non partecipante
Francia 1938Non partecipante
Brasile 1950Primo turno
Svizzera 1954Quarti di finale
Svezia 1958Primo turno
Cile 1962Quarti di finale
Inghilterra 1966Campione
Messico 1970Quarti di finale
Germania Ovest 1974Non qualificata
Argentina 1978Non qualificata
Spagna 1982Secondo turno
Messico 1986Quarti di finale
Italia 1990Quarto posto
USA 1994Non qualificata
Francia 1998Ottavi di finale
Corea e Giappone 2002Quarti di finale
Germania 2006Quarti di finale
Sud Africa 2010Ottavi di finale
Brasile 2014Primo turno
Russia 2018Quarto posto

Inghilterra nel Mondiale 2014 in Brasile

Durante il mondiale brasiliano del 2014 l’Inghilterra viene inserita nel girone D, insieme alla testa di serie Uruguay, alla migliore della terza urna, l’Italia, e a una squadra materasso come doveva essere la Costa Rica.

Gli inglesi partono perdendo proprio contro gli azzurri e la strada è già molto in salita, la seconda finisce pressoché allo stesso modo contro l’Uruguay e infine arriva un pareggio contro il Costa Rica, che nel mentre si piazza in cima al girone.

Viene eliminata in modo brutale da quella Coppa del Mondo e torna a casa con la consapevolezza di dover cambiare qualcosa.

Gruppo D
TeamPuntiVinteNullePerseGFGS
Costa Rica721041
Uruguay620144
Italia310223
Inghilterra101224
Gruppo D
14 giugno 2014 alle 22:00
Arena da Amazônia di Manaus
1 - 2
Gruppo D
19 giugno 2014 alle 21:00
Arena Corinthians di San Paolo
2 - 1
Gruppo D
24 giugno 2014 alle 18:00
Mineirão di Belo Horizonte
0 - 0

Nazionale inglese in Russia 2018

Per il mondiale russo l’Inghilterra viene sorteggiata nel Girone F insieme a Belgio, Tunisia e l’esordiente Panama. Sulla carta è un girone abbordabile, ma la memoria di quattro anni prima non fa stare sereni.

Guarda il percorso completo dell’Inghilterra a Russia 2018.

Gruppo G
TeamPuntiVinteNullePerseGFGS
Belgio930092
Inghilterra620183
Tunisia310258
Panama0003211
Gruppo G
18 giugno 2018 alle 20:00
Volgograd Arena di Volgograd
1 - 2
Gruppo G
24 giugno 2018 alle 14:00
Stadio Nižnij Novgorod di Nižnij Novgorod
6 - 1
Gruppo G
28 giugno 2018 alle 20:00
Arena Baltika di Kaliningrad
0 - 1
Ottavi
03 luglio 2018 alle 20:00
Otkrytie Arena di Mosca
4 - 5
d.c.r
Quarti
07 luglio 2018 alle 16:00
Futbol'nyj stadion di Samara
0 - 2
Semifinale
11 luglio 2018 alle 20:00
Stadio Lužniki di Mosca
2 - 1
d.t.s
Finale terzo posto
14 luglio 2018 alle 16:00
Zenit Arena di San Pietroburgo
2 - 0
Confederazione UEFA
Sigla Fifa Eng
Federazione The FA – The Football Association
Soprannome Three Lions
Commissario tecnico Gareth Southgate
Record di presenze Peter Shilton (125)
Capocannoniere Wayne Rooney (53)
Miglior vittoria Irlanda – Inghilterra 0-13, Belfast, Regno Unito, 18 febbraio 1882
Peggior sconfitta Ungheria – Inghilterra 7-1, Budapest, Ungheria, 23 maggio 1954
Divisa Maglia, calzoncini e calzettoni bianchi con bordi rossi
Palmares 1 Mondiale
Partecipazioni Mondiali 15
Esordio al Mondiale 1950
Miglior risultato Mondiale Campioni nel 1966
Finali giocate al Mondiale 1
Presenze coppa continentale 9
Esordio coppa continentale 1968
Miglior risultato coppa cont. Terzo posto nel 1968, Semifinalista nel 1996
Presenze Confederation cup
Esordio Confederation cup
Miglior risultato Confed. cup
Fallo sapere